giovedì 31 gennaio 2013

Klam - Klam - 2013

Tre parti di Magdalene (ora purtroppo defunti) e un ex-Chambers, loro sono i Klam, quattro quarti di sad post-punk che vi frulla le interiora. Le quattro tracce di questo esordio della nuova band pisana si allontanano un pò dal seminato e dal sound dei gruppi cui sopra, seguono piuttosto una strada tutta loro che ti fa incazzare piangendo. E cantano in inglese. Klam ti libera dai grumi della giornata incastrati nei pori della pelle. Ci sono sicuramente adiacenze di genere da indicare, chiare ispirazioni da additare. Ma importa un cazzo. So solo che senza questo disco sarei andato a letto nero come il carbone e invece me la godo sprofondato in poltrona mentre i Klam mi picchiamo come fossero un battitpanni che toglie la polvere da un tappeto steso. Free download. Link in fondo.


Klam
Klam
2013

Tracklist:
1. Gimmie Black Metal
2. Me and My Microwave
3. Pretty Girls Have AIDS
4. Let's Start a War



Bandcamp

Godblesscomputers - Freedom Is O​.​K. - 2012 [Streaming]

Godblesscomputers è un progetto bolognese di musica chillout che con questo suo ultimo lavoro esordisce sull'etichetta berlinese Equinox Records. Il nuovo Ep si intitola Freedom is O.K. ed è uscito il 15 Dicembre scorso in digitale e in vinile 10", quest'ultimo con una traccia che qui non sentite, Summer fever. Ma poco importa, se l'obiettivo di Lorenzo Nada è farci pendere dalle sue labbra ci riesce benissimo anche "solo" con queste sette tracce. Se Green flowers vi stuzzica adeguatamente il palato delle vostre orecchie nel momento in cui parte Nowhere allora il vostro cervello esporrà il cartello "Out of order" per sdraiarsi sul divano. Ma è la voce di Francesca Amati, già Amycanbe e Comaneci, in Fire Extinguisher ad avermi irrimediabilmente rapito. E addio. Nel frenetico e continuo ascolto di questo Ep sono poche le volte in cui sono andato oltre questa traccia, nonostante sappia benissimo che il resto dell'Ep è bello almeno tanto quanto queste prime tre tracce. Ma è più forte di me. Repeat, repeat, repeat.


Godblesscomputers
Freedom Is O​.​K.
2012
Equinox Records

Tracklist:
1. Green Flowers
2. Nowhere
3. Fire Extinguisher
4. Dirty Motel
5. The Plan
6. Green Flowers (B-Ju Remix)
7. Green Flowers (Digi G’Alessio Remix)


Sito ufficialeFBSoundcloudBandcamp

3quietmen - The quiet revolution [Video]

Regia di Fabio Bobbio
Da The Quiet Revolution
Sito

mercoledì 30 gennaio 2013

Weird. - Desert Love for Lonely Graves - 2013

“Chi ben comincia è a metà dell’opera”. Tanto è gratificante sentirselo dire quanto è ardua l’impresa da compiere per arrivare al traguardo tanto sperato. C’è ancora chi sa imboccare la giusta strada, per fortuna. E’ il caso del trio romano Weird., composto da Marco Berzetti (chitarra e voce), Matteo D’Argenio (basso) e Massimiliano Pecci (batteria) con Desert Love for Lonely Graves, album di debutto uscito il 15 Gennaio. Sette tracce che si susseguono l’una dopo l’altra secondo un equilibrio stabile, fluido, sonoro. Psichedelia e shoegaze: ecco il combo vincente che domina l’atmosfera ora dilatata, ora pungente, ora spezzata, ora radiosa presente nel disco. Il trasmettitore è una conchiglia che filtra echi di chitarra distorta alternandoli a rintocchi sia attutiti che più decisi di batteria ad una voce lontana, alle volte così tanto da essere confusa con la parte strumentale. E’ il suono che ci elettrizza e scuote al primo ascolto, alla prima sensazione, ed è questa particolarità ad elevare la musica al di sopra delle altre arti. Giacomo Leopardi sosteneva ciò, dimostrando di stare dalla nostra parte. Un unico avvertimento: non perdeteli di… Udito.


Weird
Desert Love for Lonely Graves
2013

Tracklist:
1. Dark Was The Sky, Cold Was The Rain
2. Echo & The Lullaby
3. A New Beginning
4. Desert Love
5. The Moan
6. Sundive
7. Druggirl


FBTWSoundcloudBandcamp
YouTubeLastfm.it

Platonick Dive - Youth [Video]

Regia di Martina Falchetti & Michael Bigini
Da Therapeutic Portrait
Sito

martedì 29 gennaio 2013

I Used To Be A Sparrow - Warpaint On Invisible Children


Torna alla carica il due italo-svedese I Used To Be A Sparrow composto da Andrea Caccese e Dick Pettersson con un energico album nello stile elettro-folk che già mi aveva conquistato ed emozionato in Luke, il loro primo album uscito nel febbraio scorso. Warpaint On Invisible Children è la prima traccia pubblicata sul loro soundcloud di You Are An Empty Artist, il nuovo album in uscita il prossimo 15 Marzo per Paper Wings Records. Warpaint On Invisible Children mescola efficacemente nei suoi tre minuti la trascinante indietronica dei The Postal Service e il nuovo folk americano à la Justin Vernon. E io non vedo l'ora.



Sito ufficialeFBBandcamp

Rio Mezzanino - Love is a Radio - 2012 [Streaming]

I Rio Mezzanino sono un quintetto fiorentino attivo dal 1997 e composto da Antonio Bacchiddu alla voce, Federica Fabbri (chitarra e voce), Oretta Giunti (batteria e voce), Leonardo Baggiani (basso e voce) e Giuseppe Viesti alle percussioni, anche se della formazione attuale rimane solo il cantante Bacchiddu. Questo secondo lavoro arriva quattro anni dopo Economy With Upgrade (un album di folk-rock-noir contaminato che può ricordare molto le atmosfere desertiche dei Calexico) e l’ep Together to get out. L’impostazione è rimasta simile al passato ma gli arrangiamenti di Love is a radio sono ancora più curati e le atmosfere risultano sempre più raffinate, grazie soprattutto alle armonizzazioni delle voci femminili con il cantato corposo di Bacchiddu e ad un uso sapiente di un’elettronica mai invadente. Il tema è principalmente quello dell’amore e della libertà. Come dice Bacchiddu: Gli ostacoli a questa libertà sono infiniti e la maggior parte autocostruiti come blocchi mentali per difenderci dal dolore, senza renderci conto che, cosi facendo, sprofondiamo sempre di più nell’incomunicabilità. Questo disco racconta dell’amore, che nasce o che finisce, che si scontra o che si incontra, sintonizzato o senza sintonia. Il titolo, infatti, allude al parallelismo tra l’Amore e la Radio, dove il sentimento è inteso come una radiofrequenza, instabile ma capace di regalare emozioni e forza.


Rio Mezzanino
Love is a Radio
2012
A Buzz Supreme/Audioglobe/Burriccu Records

Tracklist:
1. Sleep Together
2. Ghost song
3. Thorn
4. A Star
5. Mint and Holy Water
6. Silver
7. My Enemy JR
8. Get Me Down
9. Animal
10. For love



Recensione (Kalporz) ▲ FBBlog
SoundcloudSitoBuy it!

Folletto Unplugged: The Please - Glass Key [Video]

A pochi chilometri da Milano, lungo la strada provinciale 14, arriviamo nei dintorni di Cassano d'Adda dove, all'interno di una cascina, i sorprendenti The Please al termine di un lungo lavoro hanno creato gli Zen Studios, vero e proprio centro sacro della vita artistica della band. Il pezzo che vi proponiamo è Glass Key, tratto dallo splendido concept album Bitter Gospels Along The Riverside. "Take the route I believe it's good and anything I'd do it's true cause I'm marbel with no soon".



RecensioneSito ufficialeFB ▲ Bandcamp

lunedì 28 gennaio 2013

Grenouille - Binario 21


Sotto alla Stazione Centrale di Milano esiste ancora il famigerato binario 21, da cui partivano i convogli carichi di prigionieri diretti ad Auschwitz nel corso della seconda guerra mondiale. Binario 21 è anche un brano dell'ultimo album dei Grenouille, Il mondo libero, uscito lo scorso novembre. Per continuare a tenere vivo il ricordo di una delle pagine più tristi della nostra storia la band ieri, in occasione della Giornata della Memoria, ha deciso di regalare il loro brano Binario 21. Da oggi e fino a domenica prossima 3 febbraio la canzone sarà quindi in free download attraverso il sito ufficiale della band.



Recensione (OndaRock) ▲ SoundcloudDownload

Sixthminor - Wireframe - 2013 [Streaming]

I Sixthminor sono un duo napoletano composto da Renato Longobardi e Andrea Gallo e formatosi nell'inverno del 2007, il loro disco di debutto si intitola Wireframe ed è uscito proprio ieri per Megaphone Records. L'album è intrappolato tra tutti i generi possibili ma ne fa un sol boccone metabilizzandoli perfettamente e generando un suono perfettamente genuino, accattivante e trascinante. Come succede con le migliori novità, tantissime delle quali sono partorite proprio dall'etichetta di Pordenone, questo disco scatena una vera dipendenza. Elettro-post-rock per le orecchie più sopraffine. Lo scaricate gratuitamente in cambio di un tweet!


Sixthminor
Wireframe
2013
Megaphone Records

Tracklist:
1. Eser
2. Blackwood
3. Frozen
4. Etif
5. Last day on earth
6. Hexagone
7. Greyhues
8. Outro


Sito ufficialeFBTW
SoundcloudBandcampPay with a Tweet

Godblesscomputers - Fire Extinguisher (feat. Francesca Amati) [Video]


Regia di Matteo Bevilacqua
Da Freedom Is O.K. Ep
Sito

domenica 27 gennaio 2013

Blu Willa, 1 Febbraio @ Glue Alternative Concept Space, Firenze

La programmazione di Febbraio dello spazio Glue è ricca di sorprese. Si comincia il primo del mese con i Blue Willa che, freschi freschi del loro primo (nuovo) album uscito per Trovarobato, proporranno la loro musica live contestualmente al live painting della dotatissima artista Cuore di Cane. Ma non è finita qui, la settimana successiva, martedì 5, c'è Lorenzo Bettazzi in arte Peckinpah con il suo intimissimo folk mentre il martedì successivo si esibiranno live Carlotta Forasassi e Elettra Capecchi (già ne Werner) con la loro creatura a quattro mani Mad Emoiselle Sarabande. Le due pianofortiste presenteranno in anteprima in questa occasione il loro primo video, girato da Ingrid Lamminpää.


Venerdì 1
live painting di Cuore di Cane

Martedì 5
live painting di Massimo Pasca

Martedì 12
anteprima del video girato da Ingrid Lamminpää

(Se non sei ancora tesserato ricorda di compilare il modulo per il 
tesseramento entro 24 ore prima dell'evento a questo link.)

Evento FBGlue Alternative Concept Space

Acque Chete Night, 31 Gennaio @ Cycle Club, Calenzano (FI)

Il 31 Gennaio al Cycle Club di Calenzano Three Lakes presenterà i pezzi del suo nuovo album War Tales in un set sonorizzato con Andrea Sologni (dei Gazebo Penguins), Lorenzo Cattalani e Raffaele Marchetti. Ad aprire la serata due band toscane, Orsorosso e Tutte le Cose Inutili. Il Cycle~ Club è in Via Petrarca, 180 a Calenzano (FI), il concerto comincia puntualissimo alle 22!


Three Lakes
Orsorosso
Tutte le Cose Inutili

(Ingresso con tessera ACSI e contributo volontario)

Evento FB

sabato 26 gennaio 2013

Emily Plays - I Had A Heart That Loved You So Much - 2011

Già avevamo parlato di Sara Poma e degli Emily Plays. Precisamente qui. Vengono da Pavia e il loro pop un pò tormentato è l'ideale compagnia per sdraiarsi sul divano dopo aver divorato una mucca intera. Dopo che nipoti e cugini ti sono saltati sullo stomaco per facilitarti la digestione. Dopo grida, litigi, spumante, abbracci e saluti. Dopo tutto questo, se cercate una piacevole quiete in cui scioglere i vostri pensieri I Had A Heart That Loved You So Much è il disco che fa al caso vostro. Enjoy! (Dicembre 2011)


Emily Plays
I Had A Heart That Loved You So Much
2011
Dischi Soviet Studio

Tracklist:
1. Hands That Don’t Catch

2. When You Say It’s Broken

3. December

4. On And On

5. Me, You And Jessica Lange

6. Baghdad Lover

7. Sightseeing Train

8. (This Love Will Take Its) Toll

9. Words Won’t Count

10. Lost Property



Recensione (Indie for Bunnies) ▲ FBDownload

Madame Lingerie - Più niente [Video]


Da D’Amore, Soldi e Vendetta
FB

venerdì 25 gennaio 2013

Sadside Project - The Same Old Story


Fate finta per qualche minuto di vagabondare nella fantasia e che qualche genio della lampada vi abbia trasportato di colpo in una dimensione favolistica, magica e surreale. Una nave, la calma prima e un mare in tempesta poi. Un’onda sonora densa e palpabile, proviene dall’intrecciarsi delle diverse realtà dimensionali, in un’improvvisazione esplosiva ricca di inventiva. È esattamente quello che si prova ascoltando The Same Old Story, primo singolo estratto da Winter Whales War, nuovo album dei Sadside Project, in uscita il 22 Febbraio per Bomba Dischi. Un brano in cui i ragazzi riescono a raggiungere le vette di energia e virtuosismo grazie alla carica esplosiva della chitarra e i sentieri ben spianati della batteria, creando un tappeto sonoro allucinante. Quattro minuti di psichedelia post atomica, in cui ogni nota si carica di significato, spesso deviando verso luoghi inaspettati inspirati a una cantabilità esplicita e grondante di adrenalina. Una gustosa anteprima di quello che sicuramente sarà uno dei migliori album di questo nuovo anno.



Sito ufficialeFBSoundcloudBandcamp

Angus Mc Og - Fisher King (On the 7.40 train)


Gli Angus Mc Og sono in tre, sono di Modena e il 15 di Febbraio esce il loro secondo disco intitolato Arnaut. La prima traccia che si può ascoltare è Fisher King (On the 7.40 train), folk-pop autunnale con una pennellata d'archi e un filo di vento che entra dalla finestra. Nel gelo di gennaio c'è nostalgia di tutto e questa canzone è una foglia rossiccia che scrocchia sotto la scarpa. Nell'attesa il loro primo album Anorak lo potete scaricate gratis da qui.



Sito ufficialeFBTW

Takoma - The Good Boy Sessions - 2013 [Streaming]

Gennaio si sa, è il mese del freddo e delle minestrine calde utilizzate come antidoto al termometro, che di risollevarsi proprio non ne vuole sapere. Per fortuna l’uggiosa giornata di oggi è stata allietata dall’arrivo del nuovo lavoro di una band sarda che risponde al nome di Takoma. Dopo un ep omonimo la band ha registrato e prodotto il primo e vero album d’esordio, disponibile interamente in streaming sul soundcloud e sul bandcamp ufficiale. The Good Boy Sessions è un viaggio ancora in corsa sulla rotta di un binomio sonoro in cui convivono lo spirito del blues e la melodia del folk americano di estrazione classica. Questa attitudine conservatrice è uno dei punti vincenti del lavoro dei tre artisti che tramite una rivisitazione del genere, rivitalizzato dall’esperienza musicale (e non solo) inglese, ha dato origine ad un lavoro fin troppo coeso, con sette brani che brillano di luce propria. Un sound ubiquo che si riversa nella tendenza di una musica che privilegia i suoni sporchi, che lambisce il lo-fi e che nonostante giri armonici classici, nasconde una struttura compositiva di grande raffinatezza. Ciò che sorprende è soprattutto la capacità di passare da brani caratterizzati da una malinconia straziante ad altri pervasi invece da malizia ironica e swingante. I testi dei brani, in un’estasi ballardiana spremono ogni goccia di espressività con l’esistenza alienata dei personaggi, i paesaggi desolati e stati d’animo che perdono il loro significato usuale, acquistando una verve tutta nuova. Lo stile è brioso, gli arrangiamenti inclini al pop; i vibranti riff di chitarra e i deliqui blues innestati su irresistibili grooves si insinuano in fretta nella memoria, rendendo omaggio sia alla cantabilità di Stefano che al virtuosismo tecnico del trio. Un disco da regalare e farsi regalare, per far conoscere ai propri amici una musica di feeling, gusto e ritmo.


Takoma
The good boy sessions
2012
Autoprodotto

Tracklist:
1. Movie 30
2. Easy way out
3. The Walk
4. Story of a girl
5. Playground
6. Carnevale


Intervista (Mumble:) ▲ FB
SoundcloudBandcamp

Black Eyed Dog - Heather [Video]

Regia di Giovanni Tomaselli
Da Too Many Late Nights
FB

giovedì 24 gennaio 2013

K-Conjog - Shinnan


Un verso incomprensibile mormorato si fa strada e avanza, è come se qualcuno pronunciasse un singolare chica bom bom, roboante e tutt'altro che latino, mentre la batteria scandisce il tempo con disciplina e i tasti del pianoforte assecondano il battito cardiaco. Tutto ciò, ebbene sì, è possibile ascoltarlo in Shinnan di K-Conjog, una sola traccia dai poteri magici capace di smuovere sensazioni e toccare un mondo che tende ad essere inghiottito. Pare che il brano sia stato composto nel corso della scorsa torrida estate e poi dimenticato, ma fortunatamente ritrovato, poco, anzi pochissimo tempo fa, nel corso di questo piovoso inverno. Preferibilmente da fruire ad occhi chiusi e in silenzio per agevolare la caduta in un altro qui lontano da qui, ascoltando sono perfino concesse giravolte con incluso capogiro e mondo che scorre veloce.
Se tutto questo è provocato da solo un brano, non è proprio il caso di perdersi lo streaming completo del suo ultimo album, Set Your Spirit Freak!. Stay tuned!



FBSoundcloudBandcamp

Steven Smirney - Way Back Home Ep - 2012

Rilasciato a settembre dalla cagliaritana On2Sides su chiccosissima cassetta, Way Back Home Ep è l'ultimo lavoro di Steven Smirney. Un ritorno a casa per il producer e musicista di Carbonia - al secolo Luca Murgia - che dopo tanto peregrinare in giro per l'Europa torna nell'isola dalla porta principale. Raffinatissimo e dotato di un gusto musicale non comune, Steven Smirney è riuscito a smarcarsi totalmente dalle facili etichette riuscendo a sintetizzare le sue influenze in uno stile personale e fresco. Le quattro tracce - l'ultima è un remix ad opera del fortissimo Digi G'Alessio- scritte a Lisbona e registrate allo studio appartamento di Venezia sottolineano la natura girovaga del nostro, aperto sempre a nuove contaminazioni e collaborazioni (la collaborazione con Kae, giovane cantante serba, è ormai consolidata da tempo). Way Back Home è un ottimo lavoro che vede un musicista maturo e pronto alla definitiva consacrazione. Consigliato.


Steven Smirney
Way Back Home Ep
2012
On2Sides

Tracklist:
1. The New Generation
2. Springsour
3. Way Back Home
4. Way Back Home (Digi G'Alessio Remix)


FB ▲ SoundcloudBandcamp ◄

The Hacienda - Time Machine [Video]

Regia di Guido Targetti
FB

mercoledì 23 gennaio 2013

Tetuan - Qayin


Manca poco all'uscita di Qayin, il secondo album dei Tetuan, band marchigiana math-qualcosa composta da Cristiano Coini, Riccardo De Luca ed Edoardo Grisogani. Due sono le tracce che anticipano il disco la title track Qayin e Luxor, entrambe intrise di una potenza primitiva e trascinante. Lasciatevi guidare a ritroso nel tempo dai Tetaun alla riscoperta di quel ritmo che avete nelle ossa ma che vi siete dimenticati in fondo alle scarpe. Vi dimenerete anche se non ne avete voglia. Ricordatevi di fare il count-down al 23 Febbraio, data di uscita del disco e non perdeteveli assolutamente in concerto!



FBSoundcloudBandcamp

The Stoop - Somewhere - 2012 [Streaming]

Viviamo sommersi di remix e di mush-up dove milioni di componenti di un passato prossimo e remoto si aggregano. Eppure, non c'è limite alla ricerca, alle novità, no. La buona musica esiste ancora ed esisterà sempre. Questo è il caso di Somewhere, ultimo LP degli Stoop prodotto dalla Youthless Records.
Undici brani densi e cremosi come il miele mille fiori di buona qualità, spingono verso un vorticoso viaggio travolgente da qualche parte. Dalle prime tracce i bit si sentono forte, navicelle spaziali orbitano vicine, sempre più. Dopo I've got time prende corpo un'atmosfera più folk rock che raggiunge l'apoteosi in Hang in There, tutta strumentale. Verso la fine, con Iceberg, si avverte il freddo, il rumore del vento glaciale, sempre più pungente fino a Somewhere che include il mio adorato effetto eco. La fine arriva improvvisa, come spesso accade, e il mio cervello coglie riverberi western, quelli da fine dei conti, ai quali segue la verità, improvvisa, amara e in cui esitare non è concesso. I ragazzi emiliani con questo terzo lavoro addensano tastiere, synth, pedal steel guitar, una tromba e, dulcis in fundo, perfino un mandolino, very italian style. Ebbene, è così che in questo mondo privo d'avanguardie, è possibile spostare, reinventare, ridefinire continuamente, e tutti vissero felici e contenti. Ascoltate!


The Stoop
Somewhere
2012
Youthless Records


Tracklist:
1. Green Dot
2. Poison Like
3. I've got time
4. Antwerp
5. The Seeder
6. The Seed
7. Hang in There
8. Iceberg
9. Somewhere
10. Golden Box
11. Shake and Disaster


Recensione (Osservatori Esterni) ▲ FBBandcamp

Abulico - Althusser (Così uccisi Helénè) [Video]


Regia di Nello Giordano
Da Il Colore dei Pensieri
FB

martedì 22 gennaio 2013

Oslo Tapes - Elogio


Le stagioni influiscono su tutto ciò che è vita e al loro mutare anch’esso cambia aspetto. Colori e odori diversi, sensazioni e angolazioni diverse. Millanta sfaccettature di un’unica realtà. È Inverno. Fuori fa freddo. Fuori piove. Fuori non siamo in città. Fuori siamo al mare. Paesaggio spoglio, e insofferente, e solo. Cielo grigio, acqua che riflette il tutto come uno specchio, terra povera. Le onde si muovono al ritmo morbido, liscio, di batteria, e i gabbiani cantano parole quasi sussurrate al vento. Chi? Oslo Tapes, nuovo progetto di Marco Campitelli (DeAmbula Records e The Marigold), prodotto e suonato da Amaury Cambuzat degli Ulan Bator, con l’intervento di musicisti come Nicola Manzan (Bologna Violenta) e Gioele Valenti (Herself). Che cosa? Elogio, primo estratto da Oslo Tapes (un cuore in pasto a pesci con teste di cane). Quando? A Marzo. Come? Senza Primavera.



FBSoundcloud

Umanzuki - Sonic Birds - 2012

Mattia Betti, Alessandro Iacopini, Tommaso Di Tommaso sono gli Umanzuki, giovane band jazz-core punk toscana. Dopo un primo Ep dal titolo Pipes & sugar prodotto da Giuseppe Caputo al fromSCRATCH studio e uscito nel 2011 eccoli di nuovo pronti ad assediare le vostre orecchie. Sonic Birds disintegra le canzoni fino ai suoi componenti principali, suoni e rumori e li frulla come dovesse farci un milkshake lasciando sempre un sottile filo conduttore melodico. Gli amanti della sperimentazione troveranno in questo disco degli Umanzuki pane per le loro orecchie. Scaricate dal Bandcamp come se non ci fosse domani. Link in fondo.


Umanzuki
Sonic Birds
2012
Brigadisco / fromSCRATCH / Eclectic Polpo / Ambient-Noise Session / Hysm? / Toten Schwan Records / Charity Press

Tracklist:
1. Rainbow
2. Light crystal bounce
3. Captain orso
4. Sonic birds
5. Golden beard bullseye
6. Amazing sun


FBBandcamp

Ila Rosso - Fiori di campo [Video]

lunedì 21 gennaio 2013

Abiku - Michael (Red House Painters tribute)


Mark Kozelek e i suoi Red House Painters nel 1992 realizzavano uno dei dischi più belli che abbia mai sentito, Down Colorful Hill, un esordio semplicemente perfetto. La notizia della realizzazione di un tributo proprio a questo album da parte di OndaRock mi ha fatto partire un embolo, un grumo di gioia così spesso che mi ha tolto l'ossigeno al cervello. Il tributo (lo trovate qui)  raccoglie alcuni dei più talentuosi artisti emergenti italiani e tra questi ci sono anche i miei amati Abiku. Per promuovere questa bellissima iniziativa i quattro grossetani, in un pomeriggio di dicembre, hanno realizzato un video della loro bellissima interpretazione di Micheal. Eccolo.


Oldness Come With a Smile
FBTWSoundcloudBandcamp

Da Hand In The Middle - Vagner Love


La foto non rende loro giustizia alcuna. I Da Hand In The Middle hanno facce ben più spiritate e la pazzia trasuda da tutti i loro luridi pori. Dopo il loro esordio nel 2011, con Shiver, Animals, Sensations, il gruppo umbro è uscito dal manicomio per tornare a tormentarvi l'anima con il suo jungle-blues delirante. Il nuovo album dei Da Hand In The Middle si intitola L'education Sentimentale ed è prodotto dalla Black Vagina Records, loro compagni di viaggio fin dagli esordi. La prima traccia che possiamo ascoltare è Vagner Love, una ballad dal sapore un pò retrò in cui si narra un particolare approccio alla danza del corteggiamento...



FBShiver, Animals, Sensations

Compleanno a 33 giri - Omaggio alla musica

Compleanno speciale per una webzine altrettanto straordinaria. Sonofmarketing - Unknown Music Pleasures compie tre anni di vita. La rivista, festeggia questo compleanno con un’unica e grandiosa compilation, che vede la partecipazione di ben 33 ottime band, tra cui cinque straniere e tutte le altre provenienti da diverse regioni d’Italia. Davvero da ammirare l’impegno e la costanza di questo gruppo di ragazzi appassionati di musica che in tutti questi anni ci hanno allietato, informato e aggiornato su tutto ciò che riguarda la cultura musicale (e non solo) nostrana e internazionale. E allora, quale modo migliore di ricambiare la loro dedizione, se non apprezzando e condividendo questa bellissima iniziativa? Nel rivolgere un doveroso plauso allo staff e agli artisti che hanno messo a disposizione lo streaming dei loro brani, vi invitiamo a sostenere la buona musica per far sì che occasioni come queste si ripetano continuamente. E allora, tanti auguri Sonofmarketing e cento di questi post!


Compleanno a 33 giri
Sonofmarketing - Unknown Music Pleasures

Tracklist:
1. Valerio Cosi - Goodbye Dus
2. The Viking Progress - La Divin
3. Saffronkeira - Endless Agony of being Sick
4. Dora Markus - Seratin
5. Dead Cat in a Bag - No Lust Lef
6. Psycho Kinder - Democratiche Ipocrisie
7. Werner - Why Didn't you
8. Mary in June - Un giorno come tanti
9. Nichelodeon - Caustrofilia
10. Santobarbaro - Tempesta
11. Hiva Oa- Badger
12. &c. - Faster
13. N_sambo - Bar
14. Strië - Rapid Eye Movemen
15. Monrows - Wrinkles
16. Bookhouse Boys - With You
17. Abiku - Bocciòlo
18. Veivecura - Ciuri
19. unòrsominòre - Ci hanno preso tutto
20. Dino Fumaretto - Tu Sei Pazza
21. Gentless3 - Destination Unknown
22. Ummagma - Back to You
23. Herself - Strangler who's m
24. Love The Unicorn - Sssuperstarsss
25. In her Eye - Push Me Down
26. Ka Mate Ka Ora - Mistake Song
27. Claudio Cataldi - (We're all) Strangers
28. 2Pigeons - Turtulleshe
29. Bad Love Experience - Dawn Ode
30. Corrado Meraviglia - I Finestrini delle Auto
31. Iosonouncane - Le Sirene di Luglio
32. Umberto Maria Giardini - Il Trionfo dei tuoi occhi
33. Giardini di Mirò - Memories



Streaming 
FBTW ▲  Sito Ufficiale

Ilsogno Ilveleno - Nouvelle Vague [Video]


Da Piccole Catastrofi
Recensione (Rockambula) ▲ FBTW
TumblrBandcampYoutube

domenica 20 gennaio 2013

A Night Like This Festival Preview, 17 Febbraio @ TNT Club, Milano

A Night Like This Festival giunge quest'anno alla sua seconda edizione e per scaldare i motori domenica 17 Febbraio ci sarà una bellissima preview. Dalle 21.30 sul palco del TNT Club di Milano si esibiranno i Tamaryn, da San Francisco in concerto per la prima volta a Milano e Azure Blue, il progetto solista dello scandinavo Tobias Isaksson, già leader di Laurel Music e Irene. Inoltre ad apreire la serata ci saranno gli italianissimi e bravissimi Pocket Chestnut con il loro indie-folk. L’evento è organizzato dall’associazione A Night Like This in collaborazione con New liFe Promo e Il Cielo sotto Milano, l'ingresso è di 8 euro con consumazione inclusa.


Line up:
Tamaryn (Usa)
Azure Blue (Se)
Pocket Chestnut (Ita)

Sound & Comfort Winter Festival, 28-30 Gennaio @ Teatro Martinitt, Milano

Dopo le date tra l'autunno del 2011 e la primavera del 2012 con artisti quali Sondre Lerche, Josh T. Pearson, Piers Faccini, My Brightest Diamond, Paolo Benvegnù, Cristina Donà e Brunori Sas, torna la rassegna Sound & Comfort al Teatro Martinitt, in via Riccardo Pitteri, 58 a Milano, con tre sere consecutive tra il 28 e il 30 gennaio. Le tre serate saranno dedicate esclusivamente ad artisti solisti, due per sera, quasi tutti italiani. L'unico ospite internazionale sarà Matt Elliott, previsto per il lunedì 28 e che dividerà il palco con The Niro. Le altre serate vedranno Alessandro Grazian e Umberto Maria Giardini martedì 29 e Dimartino e Thony mercoledì 30. I concerti avranno inizio alle ore 21.00 e il prezzo d'ingresso sarà di 12 euro per sera oppure di 30 euro per tutte e tre.



Lunedì 28 Gennaio
Matt Elliott
The Niro


Martedì 29 Gennaio
Alessandro Grazian
Umberto Maria Giardini


Mercoledì 30 Gennaio
Dimartino
Thony


Info e contattiMail
Evento Facebook

Massimo Zamboni / Spleen Artico-Emiliano, 24 Gennaio @ Officine Creative Ansaldo (MI)

Massimo Zamboni (ex membro di CCCP e CSI) ritorna con lo spettacolo "Spleen Artico Emiliano", in cui ha voluto prendere come punto di partenza la dura tragedia del terremoto che ha colpito l'Emilia lo scorso anno per tracciare un parallelismo tra quest'ultima e la Groenlandia. Le sue canzoni e le sue letture eseguite dal vivo accompagnano così le immagini del film diretto dal regista Piergiorgio Casotti (anch'esso emiliano come Zamboni). Dopo alcune date di presentazione tra novembre e dicembre il tour partirà ufficialmente da Milano giovedì prossimo 24 gennaio.


Dialogo acustico visionario tra Emilia e Groenlandia

Massimo Zamboni (chitarra, voce, programmazioni)
Cristiano Roversi (stick, tastiera, programmazioni)
Piergiorgio Casotti (Video)


Prossime date
24 Gennaio - Officine Creative Ansaldo (Milano)
08 Febbraio - Sherwood Open Live @ CSOA Pedro (Padova)
09 Febbraio - Bookique (Trento)
27 Febbraio - Cineclub Rosebud (Reggio Emilia)

Massimo ZamboniPiergiorgio Casotti

sabato 19 gennaio 2013

Stop! Party, 19 Gennaio @ Fusolab 2.0 (RM)

Stasera al Fusolab 2.0 di Roma c'è una serata stratosferica, tanta ottima musica in una serata organizzata da Fusoradio e Stop! Records. A partire dalle ore 19 i ragazzi del Gruppo Locale Greenpeace Roma Est proporranno il loro bio-aperitivo e alle 20, nell'ambito dell'iniziativa Il futuro del pianeta è nelle tue mani, ci sarà la proiezione del documentario di Gabriel Elizondo dal titolo The Crying Forest.
Alle 21.30 sarà l'ora della musica con lo Stop! Party: quattro delle migliori band della Stop! Records si alterneranno sul palco. A far vibrare tutto il quartiere ci saranno Shelly Johnson Broke My Heart, Girless and the Orphan (ospiti di questa puntata de Gli Indiepatici) Mary in June (presenti nell'ultima compilation di Fusoradio, insieme anche ai Girless and the Orphan) e Kamchatka.
Riassumendo: aperitivo dalle ore 19:00 a 5 euro, inizio concerti alle ore 21:30 con ingresso up-to-you fino alle ore 22:00. A seguire ingresso 5 euro.




Evento FBStop! Records
Fusolab 2.0Fusoradio

Takoma - Easy Wait Out


Estate. Una corsa tra i vicoli della Marina di Cagliari, dove il tempo pare si sia fermato agli anni sessanta. Un dedalo intricatissimo di stradine dove le persone si conoscono tutte e dove gli odori e i colori e del mare rimbalzano sulle mura degli edifici che guardano al porto, quelli definiti una volta da un illuminato poeta dal color catarro. Nelle orecchie Easy Wait Out dei Takoma ti stampa un sorriso ebete in faccia e ti prende per mano facendoti amorevolemente ingoiare da quelle viuzze ricche di fascino e storia. The Good Boy Sessions esce il 25 gennaio ed è in streaming sul loro Soundcloud.



FBSoundcloudBandcamp

L'AMO - Di Primavera in Primavera - 2011

L'esplosione di esuberante delirio dei L'AMO è sempre stupefacente, dodici tracce martellanti per orecchie sopraffine. Dal synth al trapano questo disco è una fantastica orgia di suoni. Di Primavera in Primavera parla dell'amore in tutte le maniere, dalla metafisica lei al napoli calcistico, dall'amore nei film a quello solo pensato. Perchè alla fine questi ragazzi sono dei cuccioloni anche se suonano come dei novelli Altro e ti vogliono spaccare le orecchie. Oggi non andate a lavorare e scaricate l'amore. Che vi fa bene. Tanto è sabato. (Settembre 2011)


L'AMO
Di Primavera in Primavera
2011
FALLO Dischi

Tracklist:
1. Dura la vita del superdotato
2. Curzio Malaparte
3. Eziologicamente
4. Mario Orsini va in città
5. Quello che
6. Aurelio De Laurentis, musa e maestro
7. Sembrava Facile
8. E' il nascere che non ci voleva
9. Distratto
10. Le parole sono orpelli del METAL
11. Dale Cooper sei un feeesso!
12. Sulla svirilizzazione di Quagliarella



Dance like Shaquille O'NealIndie for Bunnies
FALLO dischiFBDownload

Titor - Dal 2036 [Video]


da Rock Is Back
Sito ufficiale

venerdì 18 gennaio 2013

Presidenti a Tempo Perso - Magritte


Mia nonna diceva sempre che i proverbi non sbagliano mai. Allo scopo di testarne la veridicità ho deciso di mettere in pratica i suoi consigli e c.v.d. aveva ragione; tra tutti, in particolare, quello che riguarda l'illusorietà dell'apparenza. Ci aveva visto giusto la nonnina e anche quei geni di Magritte e Pirandello quando, nel parlare di contraddittorietà del reale, avevano ribadito più volte la tesi che bisogna sempre vedere al di là delle apparenze. Cosa che, se dovesse valere anche per gli esseri umani, potrebbe portarci in un perenne stato di diffidenza. Sai che difficoltà allora, vivere tutti i giorni con la paura di essere ingannati. Il reale diventa un incubo nel sogno di una vita senza sofferenze. Esattamente quello che accade alla ragazza protagonista del nuovo videoclip dei romani Presidenti A Tempo Perso, che delusa dalla finzione del mondo che la circonda, decide di compiere un viaggio trascendentale. Una benda le copre gli occhi in modo tale che possa vedere la realtà più a fondo. Ma anche in questo stato di ingente surrealismo, viene colta da un incombente paradosso. Il brano Magritte è il primo singolo ufficiale di un futuro album che vedrà la luce prima della fine dell’anno. Intanto, godetevi questo bellissimo pezzo e supportate i ragazzi!



FBYoutube

Comaneci - Uh! - 2012 [Streaming]

Uh!, è così che si chiama il nuovo album dei Comaneci, duetto ravennate composto da Francesca Amati e Glauco Salvo. Dopo tre anni dal precedente You a lie, questo ultimo lavoro esclamativo sembra abbia intenzione di stupire. Almeno io, Uh!, lo pronuncio quando sono sorpresa di fronte a qualcosa d'inatteso. Ad ogni modo, è certo che, abbandonandosi alle melodie, al suono della chitarra acustica alternato a quello della chitarra elettrica, prende corpo un mondo visionario e fluttuante in un altro dove. Gli effetti eco, i riverberi noise, senza dimenticare le sonorità folk, agevolano la caduta in un mondo immaginifico. La voce di Francesca, suadente e ipnotica come fosse il canto di una sirena, accompagna un brano dopo l'altro cantando storie di ramarri, cavallette, ragni e rane, dove un movimento è puro istinto senza filtri e si oppone alla carne, tanto potente quanto vittima del limite di moderazione. Un album maturo ed elegante che la ricerca consapevole di dettagli rende più complesso e raffinato del precedente, più stupefacente. Perfino il packaging è disarmante.


Comaneci
Uh!
2012
Madcap Collective / Fooltribe

Tracklist:
1. Grasshopper
2. I saw
3. Let them burn
4. The fall
5. We came when the frog started talking
6. Democracy
7. The easiest way
8. Green lizard
9. Flesh
10. As a spider



FBBandcamp

I treni all'alba - Tempi moderni [Video]

giovedì 17 gennaio 2013

LIFE & LIMB - Cage Seeks Bird


Porti le mani alla tempia e fai un paio di smorfie, strizzi gli occhi, arricci il naso e conti fino a dieci, venti, trenta, quaranta, cinquanta e improvvisamente, ti ritrovi in un posto in cui non avresti mai pensato di essere. Non ti senti più un uccello in gabbia, l’odore di libertà è talmente forte che inizi a starnutire. Ma pochi secondi sono sufficienti per far sì che la tua mente, non più annebbiata, si abitui al tutto. Che poi, cosa vuol dire esattamente essere liberi? Fa parte di quei temi come l’infinità dell’universo, la religione, la morte, che un po’ spaventano e che a trattarli in maniera più specifica, ci si procura più dubbi che certezze. Metti a posto i capelli, e pensi di non esserti mai sentita così bene. Hai rotto con la quotidianità e per un attimo la normalità sembra incrinata. Suadenti armonie vocali accompagnano questo viaggio di evasione, condensate in nuvole di synth che decorano il cielo di sperimentazioni elettro-pop futuriste. Tre minuti e il viaggio giunge al termine, ma attenzione, nulla è perduto. Non ci pensi due volte, clicchi nuovamente sul tasto play e il trip riprende nuovamente. Cage Seeks Bird è il terzo singolo estratto dall’album omonimo di LIFE & LIMB, duo composto da Andrea Mangia e Mike McGuire. Un capolavoro sonoro che nessuno dovrebbe farsi scappare per non essere divorato da sconfinati sensi di colpa.

Disco Raccontato (DLSO) ▲ FB ▼ TWSoundcloud

Bachi da Pietra - Quintale - 2013 [Streaming]

Titolo azzeccatissimo quello del nuovo album dei Bachi da Pietra: un quintale di parole e suoni si alternano dall'inizio alla fine senza darci tregua, massicci e pesanti come macigni. Un disco che forse non verrà apprezzato da chi segue i Bachi da sempre, ormai sono lontani da quel minimalismo che li ha contraddistinti nei primi album, il suono qui si fa definitivamente rock, con sfumature che variano dall'hard rock (Haiti) al metal (Coleotteri), allo stoner (Paolo il Tarlo e Sangue), alla ballata (Fessura e la bellissima Dio del suolo), tanto che per la prima volta possiamo dire di trovarci davanti a delle canzoni vere e proprie. Anche il cantato di Socci non è più sussurrato, ma assume tutta la durezza che si confà all'interpretazione di questi pezzi. Quintale è sicuramente il disco più accessibile della carriera dei Bachi, il più stilizzato, una sorta di compendio per chi ancora non li conosce ma anche qualcosa di completamente diverso. L’album è stato registrato e mixato a La Sauna di Varano Borghi da Giulio Ragno Favero (che suona la chitarra anche in qualche pezzo), tutto in analogico, senza nessun passaggio digitale. Altro ospite fondamentale è il sax allucinato di Arrington de Dionyso degli Old Time Relijun, che compare nei brani Enigma, Paolo il Tarlo e Ma anche no. Chiude l’album (ma solo nella versione digitale) il pezzo hip-hop, registrato col cellulare Baratto@bachidapietra.com, un amaro invito a non rubare musica, ma per lo meno a barattarla con qualcosa di pari valore (la potete anche scaricare dal link qui sotto, insieme a Paolo il Tarlo). Un disco che non può lasciare indifferenti e che personalmente continuo ad ascoltare da giorni, nell'intento di assaporare le sensazioni che potranno darmi dal vivo. Imprescindibile per chi vuole iniziare a conoscere questo gruppo.


Bachi da Pietra
Quintale
2013
La Tempesta

Tracklist:
1. Haiti
2. Brutti Versi
3. Coleotteri
4. Enigma
5. Fessura
6. Mari Lontani
7. Io Lo Vuole
8. Pensieri Parole Opere
9. Paolo Il Tarlo
10. Sangue
11. Dio Del Suolo
12. Ma Anche No
13. Baratto@bachidapietra.com (traccia presente solo nelle versioni digitali dell'album)



FBTW
SoundcloudBuy it!

Bianco - Raccontami [Video]

mercoledì 16 gennaio 2013

Il Buio - Parole alla polvere


Prendetevi un attimo di pausa dalla routine quotidiana, scrollatevi di dosso l'alone di disorientamento lavorativo e  indossate un paio cuffie; se non le avete e siete in un luogo pubblico poco importa. Ad ascoltare un pezzo del genere, se ne esce solo migliorati. Parole alla polvere, primo brano estratto da L’oceano Quieto, album che vedrà la luce il prossimo marzo, in uscita per Autunno Dischi, non è solo un tizzone ardente ma soprattutto la palese dimostrazione che Il Buio, band vicentina, non sbaglia un colpo. Musica calda e avvolgente che si apparenta ad una potenza vocale al punto da strappare le corde vocali, riversando sugli ascoltatori un flusso di emozioni continue. Un’autentica fuga dalla realtà imbevuta di una quiete che inganna, mettendo a fuoco le storture e i tormenti dell’uomo moderno. Un brano che si ricollega all’impostazione sonora dei lavori passati con lo sguardo ben rivolto al presente. Il countdown all’uscita dell’album è partito. Save the date!



FBDeezer
SoundcloudBandcamp

Wildmen + Capputtini 'I Lignu - Drunkula Split Ep - 2012 [Streaming]

Italia: paese di santi, poeti e garage band; tralasciamo pure i navigatori dopo le prodezze di Schettino & Co. che mi sembra decisamente il caso. Fanno sicuramente parte della nobile categoria dei garagersWildmen e i Capputtini 'I Lignu che in questo split Drunkula - rilasciato la viglia di Natale da Shit Music For Shit People e prodotto dal bravissimo Emanuele Baratto - offrono dello sporchissimo garage-rock come si deve, come piace a noi. Tre brani - uno a testa più uno scritto a quattro mani che dà vita agli estemporanei Wild Lignu - per dieci minuti scarsissimi che preparano il palato per l'esordio dei Wildmen, previsto per Febbraio. Ottimo split, consigliatissimo! In streaming sul loro Soundcloud. L'artwork è opera dell'illustratrice Michela Picchi.


Wildmen + Capputtini 'I Lignu
Drunkula Split Ep
2012
Shit Music For Shit People

Tracklist:
1. He Never Tells
2. Born After Midnight
3. Drunkula



Capputtini 'I LignuWildmen
Shit Music For Shit People

C.F.F. e il Nomade Venerabile - Io sono un albero [Video]

martedì 15 gennaio 2013

Brothers in Law - Leave Me (Shadow II)


Tutto è grigio. E piatto. Idiosincrasia verso la grande scatola sferica che ci tiene in ostaggio. Bisognerebbe poter filtrare ciò che vediamo attraverso un caleidoscopio per poter “vedere bello”, proprio come ci suggerisce il significato stesso della parola. Ci vuole forma. Colore. Musica, in primis. E tutto sembra prendere una piega positiva. Gli effetti sono questi, la causa è il semplice ascolto di Leave Me (Shadow II), nuovo singolo dei Brothers in Law che anticipa l’uscita del primo album Hard Times for Dreamers, prevista per il 30 gennaio su We Were Never Boring/CF Records. Non ci sono controindicazioni.



FBSoundcloudBandcamp

Gianni Resta - Discorocksupersexypowerfunky [Video]

Regia di Claudio Cecconi
Da Discorocksupersexypowerfunky
FB

lunedì 14 gennaio 2013

Uro - Sangudelostia


Un suono torbido che ti rimesta dentro. Che ti amalgmama e digerisce fino a farti sparire. Come è solito fare il lunedì mattina. E come farebbero i molteplici stomaci del ruminante da cui prendono il nome. Se non fosse estinto. Loro sono gli Uro, terzetto leccese che ha appena partorito un Ep di cinque tracce traboccante di un post-rock strumentale e ossessivo che renderà il vostro lunedì una punizione sopportabile. Sanguedelostia in particolare dovrebbe essere distruibuita in farmacia. In attesa della ricetta scaricate tutto dal loro bandcamp.



FBBandcamp

Reverve - Cardiattack.o. - 2012 [Streaming]

Nati a Carpi nel 2004 e con già alle spalle concerti in apertura di band già avviate come The Death Of Anna Karina e Super Elastic Bubble Plastic, i Reverve dopo un demo omonimo autoprodotto, arrivano all’esordio sulla lunga distanza con Cardiattack.o.. Originari di Modena i quattro ragazzi – cinque con il neo e terzo chitarrista - si muovono nei paludosi territori dello sludge e grunge, galleggiando tra Melvins, Nirvana e i nipotini italiani Verdena. Proprio il gruppo di Bergamo è il primo nome a cui si pensa dopo i primi ascolti, soprattutto per il cantato nella lingua di Dante e per la voce di Strazzeri che ricorda, incredibilmente il timbro del più grande dei fratelli Ferrari, Alberto. Fatto sta che i Reverve, nonostante non siano portatori di novità assolute, suonano come si deve e dal vivo promettono sicuramente scintille e distruzione. La title-track Cardiattack.o, la più rappresentativa della scaletta, è una grandinata di feedback e fuzz che con la sua parte centrale dilatata ricorda i recenti Motorpsycho di Child Of The Future. In definitiva, Cardiattack.o. è un disco divertente e ben suonato che lascia intuire ottime cose per il futuro prossimo. In streaming sul loro pagina Bandcamp.


Reverve
Cardiattack.o
2012
Autoprodotto / 3SX

Tracklist:
1. Mi manca
2. Cappuccetto nel fosso
3. Sospite
4. Liquida
5. Cardiattack.o.


Recensione (Deer Waves) ▲ FBBandcamp

Le Gros Ballon - The Ballad Of The Dirty Mosquitoes [Video]

Regia di Stefano De Ponti
FB

domenica 13 gennaio 2013

Maperònosidice - Musica Bella in Italiano @ Circolo Agorà, Cusano Milanino (MI)

Il Circolo Agorà di Cusano Milanino inaugura il 2013 con un mese di grandi concerti, ospitando il meglio della musica indipendente italiana. Il primo appuntamento utile (gli altri ve li siete già persi) è con i Sycamore Age Venerdì 18 Gennaio che suoneranno assieme a Mir e Last Men on the Moon. Continuano inoltre le rassegne Roba di Classe e Quiet is the New Loud con i Mimes of Wines Domenica 20 Gennaio e Dave Muldoon Giovedì 24 Gennaio. Infine il 26 Gennaio viene inaugurata una nuova rassegna dedicata interamente ai cantautori italiani, Maperònosidice, che per primi vedrà sul palco del Circolo Agorà Nicolò Carnesi, Anelli soli e Marco Crupi.


Sabato 26 gennaio
Nicolò Carnesi
Anelli soli, Marco Crupi
€ 3

Venerdì 01 febbraio
Nobraino
€ 3

Venerdì 15 febbraio
Alessandro Fiori
Pagliaccio
€ 3

Sabato 23 marzo
Paolo Benvegnù
Il rumore della tregua
€ 3

Wallace Fest, 26 Gennaio @ Csa Baraonda, Segrate (MI)

Pronti per il Wallace Fest? Sei concerti unici e sperimentali, che attraverseranno il pop più atipico e distorto fino ad arrivare al noise rock ospitati dal Csa Baraonda di Segrate. La serata è organizzata dall’Associazione Mezzanine, con l’intento di promuovere le produzioni indipendenti del panorama musicale italiano, nel caso specifico quelle dell’etichetta discografica underground milanese, fondata nel 1999 da Mirko Spino. Dalle 21.30 si alterneranno i live di Xabier Iriondo e Gianni Mimmo, Taras Bul'ba, Makhno, Quasiviri, I Camillas e altri special guest.



Line up:
Xabier Iriondo + Gianni Mimmo
Taras Bul'ba, Makhno
Quasiviri, I Camillas

Ingresso: 5€

Anteprima Pending Lips Festival, 18 Gennaio @ Ligera, Milano

In arrivo la nuova edizione del Pending Lips Festival, anticipato da un contest che anche quest'anno vedrà le migliori giovani band italiane contendersi un posto sul palco del festival. Le iscrizioni per partecipare saranno aperte fino al 17 Febbraio, nel frattempo un bella preview ad un mese esatto dall'inizio. Venerdì 18 Gennaio al Ligera di Milano in Via Padova 133 si esibiranno in concerto come gustusa anticipazione del festival Farmer Sea, MasCara e Tequila Funk Experience! Non mancate!


Line up:

Ingresso: 5€

sabato 12 gennaio 2013

Montezuma - Di Nuovo Lontano - 2011 [Streaming]

All'inizio questo quartetto di Pesaro mi sembrava solo un gruppo stoner, ma quasi subito ho dovuto ricredermi: c'era tutto il post-rock delle mie fantasie... Scenari apocalittici uniti al noise, al grunge ed al progressive, per un album interamente strumentale e suonato benissimo! Non saprei nemmeno scegliere un brano preferito, tanto sono tutti collegati perfettamente tra loro. Sette pezzi esplosivi che mantengono alta l'attenzione, con uno solo più lento e melodico (Lenta In D) per lasciare spazio ad emotività e commozione. Di Nuovo Lontano nasce dopo un Ep autoprodotto nel 2008, ed è stato inciso tra lo Studio 73 di Ravenna e soprattutto lo Studio Wave di Paolo Rossi a Pesaro (non so se avete presente Altro, Cosmetic, Be Forest, General Decay tanto per citarne alcuni), durante i primi mesi del 2011.
Montezuma è il nome del collettivo che ha dato vita alla loro sala prove nella quale hanno suonato per la prima volta, dove sono nati e cresciuti come gruppo e come persone. Un nome che rappresenta i giovani del quartiere e che significa "Colui che diventa sovrano con rabbia". E direi che si adatta benissimo all'autorità con cui si presentano questi quattro ragazzi. Da non perdere assolutamente in versione live. (Settembre 2011)


Montezuma
Di Nuovo Lontano
2011
I Dischi dell'Apocalisse / Dicks and Decks / Mukkake Agency

Tracklist:
1. L'alba di Marrakech
2. La Foresta Imbalsamata
3. Quattro
4. Lenta in D
5. La Congiura delle Polveri
6. Supernova
7. Il Codice di Dresda


Recensione (Impatto Sonoro) ▼ Facebook
Myspace Buy it!