Post più popolari

sabato 31 gennaio 2015

June Miller - Simulacra Sunset Deluxe Edition - 2009

Se già Simulacra Sunset era una vera chicca con questa Deluxe Edition vorrete farvi altri fori nella testa per avere più orecchie possibili. Per spingervi i June Miller nell'organismo, sottopelle, dove c'è spazio. In esclusiva per The Breakfast Jumpers i giovani spezzini ci hanno regalato un bonus disc farcito di bellezza. Un aspirapolvere sul cuore. Outtakes, b-sides e live. Epico. Di Invisible Lion me ne sono proprio innamorato. Ottimi anche i live, sembra davvero di esserci. Immergetevi nell'atmosfera trasognata di Simulacra Sunset e buon viaggio! (Novembre 2010)


June Miller
Simulacra Sunset
2009
Marsiglia Records

Tracklist:
1. Intro - Drowned Zenith
2. Philip
3. Two Thousand Nineteen 2019
4. Rachel
5. Headin' Off World

Bonus tracks & rarities
1. Discarded EP Outro
2. An Android Dream + Philip (Demo Version 2008)
3. Philip (Karaoke Version)
4. Invisible Lion (Demotape 2007)
5. A Way To Pull Stars Down Instrumental (Demotape 2007)
6. Philip (Live@UP! 2008)
7. Headin' Off World (Live@UP! 2008)
8. Two Thousand Nineteen 2019 (Live@UP! 2008)
9. Rachel (Live@UP! 2008)



FBDownload

venerdì 30 gennaio 2015

Egle Sommacal - Il Cielo si sta Oscurando - 2014 [Streaming]

Presagio di temporale, lampi in lontananza. Quando cala la notte in pieno giorno l'unica soluzione è chiudersi in casa, ma senza disperare. A stringerti il cuore sotto le coperte c'è il nuovo disco di Egle Sommacal. Più le finestre sbattono in lontananza e il vento fischia tra gli scuri più il suo rapido arpeggio idilliaco ti culla e ti accompagna in un meraviglioso monologo suddiviso in nove brani confortanti a volte, irruenti a volte. Annullatevi in un paio di massicce cuffie, azzerate l'esteriore e concentratevi su ogni nota e noterete che la tempesta è lì dentro. Giuro che della tormenta fuori dalla finestra non vi importerà più nulla.


Egle Sommacal
Il Cielo si sta Oscurando
2014
Unhip Records

Tracklist:
1. Il cielo si sta oscurando
2. Hello Guys
3. Nuvole sopra la Bolognina
4. Nessun posto sicuro
5. Gravità
6. L’Ultimo grande collezionista
7. Hello Guys (reprise)
8. Première Gymnopedie
9. Ryou-Un Maru



FB ▲ Soundcloud ▼ Buy it!
♫ Potresti apprezzare anche: Laboule

giovedì 29 gennaio 2015

Batièn - Frammenti del mio flusso che insieme sono un puzzle, divisi i continenti - 2014

Inferenze sillogistiche nella biografia del quartetto bolognese (Noi siamo i Batièn, i Batièn siamo noi) ad enfatizzare il clima esistenzialista che pervade i cinque brani. Frammenti del mio flusso che insieme sono un puzzle, divisi i continenti, lunghissimo titolo dell’Ep d’esordio rilasciato sul finire dello scorso anno, riassume in sé lo stile e l’atmosfera abrasiva dell’intero lavoro. Impeto e urgenza espressiva in un cantato forte e definito ben supportato dall’assetto strumentale chitarre-batteria, esplicati in deliri post-punk/ screamo a marcare i continui flussi emozionali; storie antitetiche (e faremo l’amore con tutto l’odio possibile), smarrimento e inquietudini quotidiane (sto appeso a testa in giù, sott'acqua, e solo adesso respiro/appena prima di morire, nel momento in cui tremo capisco chi sono) e innumerevoli domande senza risposta, alimentano lo spirito di un lavoro che non reinventa un genere ma che personalizzandolo, rende il tutto meravigliosamente unico.


Batièn
Frammenti del mio flusso che insieme sono un puzzle, divisi i continenti
2014

Tracklist:
1. La nostra felicità non farà ricco nessuno
2. Creo, poi le guerre
3. Voglionounnomevoglionome
4. Per il dottore manco di coraggio
5. Oltremodo



►  FB ▲ BandcampDownload
♫ Potresti apprezzare anche: Lantern

mercoledì 28 gennaio 2015

Youarehere - Propaganda - 2015 [Streaming]

Propaganda è il nuovo album degli Youarehere che, dopo un primo assaggio con Primavera, si cimentano in un godurioso lancio a capofitto in sonorità elettronic trascinanti. Cuffie alle orecchie, volume a palla e una qualsiasi parte del corpo inizierà a muoversi senza disciplina. Personalmente faccio fatica ad associare questa voglia di ballare ad un qualche spirito propagandistico -anche se l'art work dipinto da Stefano Gentile è mega yeah- forse, le ragazze scosciate che "fanno cose e vedono gente" del video del singolo Lacuna diretto da Lorenzo Muto, si addicono più a questo spirito tanzereccio-colto. Ma chi se ne frega della coerenza nel mio cervello, in questo caso basta alzare il volume al massimo, muovere qualche arto a caso e, se poi i vostri pensieri pazzi riescono a visualizzare luci strobo, ci aggiungerei anche delle giravolte su un mattone. "Senti come tunza!" (cit.)


Youarehere
Propaganda
2015
Bomba Dischi

Tracklist:
1. Bulb
2. Gagarin
3. Lacuna
4. Incipit
5. Dynamo
6. Pulsar
7. Greater Things
8. White on White
9. You Were Born Years Before
10. Propaganda
11. Shojna



Sito ufficialeFBTW
SoundcloudBandcamp
♫ Potresti apprezzare anche: After Crash

martedì 27 gennaio 2015

Neeva / Mario Mereu / Laura Maronngiu - Ventisei - 2014

Ventisei è il meraviglioso Ep che il sardo Federico Orrù a.k.a. Neeva ha regalato il giorno dopo natale dell'anno ormai passato -da qui il nome- a chiunque desideri approfittarne. Tre tracce colonna sonora, sufficienti a immaginare storie impregnate di un'atmosfera urbana un po' nebbiosa dove, mentre qualcuno cammina solo e dei fari di un'automobile illuminano e scorgono storie segrete, dalle finestre di abitazioni appaiono luci calde e vetri bagnati dal vapore di cucina. Il risultato è reso ancor più uao da Mario Mereu ai sintetizzatori (MS 20 - MicroKorg) e Laura Maronngiu al clarinetto. Con le pance meno piene in questa seconda metà di gennaio ascoltate e scaricatene tutti. Qui sotto lo streaming!


Neeva / Mario Mereu / Laura Maronngiu
Ventisei
2014

Tracklist:
1. Part 1
2. Part 2
3. Part 3



FBSoundcloud
BandcampDownload
♫ Potresti apprezzare anche: Diverting Duo

lunedì 26 gennaio 2015

Johnny Mox - Obstinate Sermons - 2014 [Streaming]

Johnny Mox è un solitario messaggero che dichiara a cuore aperto e voce alta ciò in cui crede e per cui lotta. Sì, solitario, perché al comando della sua Musica non vi è nessun altro che lui, Reverendo del Beatbox, ed il suo spirito combattivo, circondato da un microfono e da una cassa di batteria. Sì, solitario, ma solo nel creare e comporre, perché sono tante le truppe a lui devote, formate da seguaci ascoltatori che, incantati dal suo album-discorso di Obstinate Sermons, lo accompagnano e supportano nella sua marcia di sentita denuncia. Con la sua pistola di Pace spara colpi di note che trafiggono non per ferire, bensì emozionare, al ritmo di riff incalzanti, armonie decise e dense di suoni che niente possono scaturire se non la voglia di ascoltare le nove canzoni-gospel, racconti di preghiere ribelli, attentamente una dopo l’altra, per esserne inglobati con magia ed entusiasmo. Il rullo di tamburi del Reverendo Mox darà vita ad atmosfere colme di istintività, urgenza, rabbia, motivazione, profondità, spiritualità, misticismo che esplodono in melodie così potenti, così espressive, così travolgenti da coinvolgere qualsiasi persona avente buon gusto e udito emotivo. “We can only be winners / if we got nothing to lose”: ma non perdetevi questo disco, tenetevelo ben stretto per ricevere le sue scosse di pura, adrenalinica fratellanza nel linguaggio universale della Musica.


Johnny Mox
Obstinate Sermons
2014
Woodworm

Tracklist:
1. They told me to have faith and all I got was the sacred dirt of my empty hands
2. A War Sermon
3. Praise the Stubborn
4. Ex Teachers
5. O' Brother
6. Endless Scrolling
7. The Winners
8. The Long Drape
9. King Malik



Sito ufficialeFBBandcamp

sabato 24 gennaio 2015

Jackeyed - There were moments 2006 - 2009 - 2014

There were moments 2006 - 2009 è un album che raccoglie pensieri e attimi di vita trascorsi - ma non dimenticati - firmato Jackeyed. Emozioni interpretate egregiamente da una Musica che cambia forma di continuo mantenendo alta l’attenzione e la curiosità. L’ascolto prevede melodie che si gettano in un’Elettronica Folk contornata da atmosfere incantate, segnate da tempi ora sincopati, ora morbidi e infiniti. Le otto tracce che compongono il disco sono regali di momenti ricordati e raccontati attraverso note di chitarra nostalgica, maledettamente dolce e disarmante, voce struggente, voce riflessiva, felicità filtrata da un velo di dubbio, effetti di suoni sfumati nei colori e prolungati nel tempo che riportano a parentesi vissute in periodi sereni di esistenza, flash di sorrisi fortemente attesi e sguardi volutamente rubati, deliziose campanelle che sembrano stelle volanti nel cielo notturno estivo e luccicante. Tradizione e modernità, passato e presente si incontrano in una giustapposizione equilibrata di armonie che catturano e appassionano con delicatezza e tanto, ottimo gusto. Provare per credere - e rappacificarsi col mondo.


Jackeyed
There were moments 2006 - 2009
2014
Megaphone Records

Tracklist:
1. Everything is grey
2. Tabula
3. I'm rolling to the sun
4. Jim is down
5. The mirror, you & me (demo)
6. Smiles in the dark, because he has all the time
7. There were moments
8. Where ignorant armies clash by night



Sito ufficialeFB  ▼ Bandcamp
♫ Potresti apprezzare anche: Indian Wells

venerdì 23 gennaio 2015

Auden - Some Reckonings - 2015

Punto e accapo. Comincia un nuovo paragrafo per la band di Viterbo, un nuovo disco che affonda fedelmente le radici nell'emocore degli inizi. Dopo la ristampa di Love is a Conspiracy, è sempre V4V Records a regalarvi il nuovo disco dei redivivi Auden. Otto brani di orgasmo anni novanta, dai Get up Kids ai Karate in un solo meraviglioso boccone. Questo è Some Reckonings, nostalgia impacchettata col fiocco. Il disco uscirà anche in vinile, cercate di accaparrarvelo! Intanto scaricate a manetta.


Auden
Some Reckonings
2015
V4V Records

Tracklist:
1. The Day of Reckoning
2. Next Regrets
3. False Restart
4. The Winter of Two Thousand and Ten
5. Rather Than Not Believe It
6. Back And Forth
7. I Smiled Too Little With You
8. Curtain



FBDownload
♫ Potresti apprezzare anche: Dags!

giovedì 22 gennaio 2015

The Volume Settings Folder - Folder #04 - 2014

Folder #04 è la nuova raccolta di The Volume Settings Folder uscita il 19 Dicembre in free download e in due edizioni fisiche (di cui una limitatissima e già esaurita) realizzate, come sempre, in pieno spirito DIY. Questa volta il padovano Filippo Bordigato si è decisamente superato e il suddetto disco l'ha racchiuso in una custodia di cartoncino cucino ed incollato, arricchito di suggestive fotografie e con un booklet ricavato da quaderni di scuola degli anni trenta. Che stile! Sì, il contenitore è figo ma dentro che musica c'è, direte voi? Dentro ci sono droni e foreste, dentro c'è il suono di un cuore spezzato che all'alba aspetta un treno in ritardo e ci sono le lacrime degli angeli di pietra scolpiti nelle colonne di una cattedrale perse in un giorno di pioggia. Emo-ambient. Meraviglioso.


The Volume Settings Folder
Folder #04
2014

Tracklist:
1. Céline
2. Ferdinand de S.
3. Signification/Signifier/Signified
4. Then Before Now Once More
5. Ferdinand de S. Meets Zora N.H.
6. Chonifera



Sito ufficialeFBTW
SoundcloudBandcamp
♫ Potresti apprezzare anche: Mattia Schroeder

mercoledì 21 gennaio 2015

Virtual Forest - Unconscious Cognition is the Processing of Perception - 2015 [Streaming]

Virtual Forest è Marco Bernacchia che abbandona l'elmetto da gallo dalla cresta colorata per addentrarsi in un'atmosfera rituale iniziatica meno psichedelica. Due tracce di tredici minuti, un brano per lato, intrappolate su nastro di cassetta dall'etichetta Yeravan Tapes. Fluide visioni percepite in lontananza, come l'avverarsi di una profezia, come se un mondo parallelo brulicante nei momenti di silenzio iniziasse a prender forma. Natura onnipossente e un cavaliere errante il cui punto di arrivo non è ancora noto... Potrebbe anche esser destinato a vagare all'infinito. Unconscious Cognition is the Processing of Perception -nessun titolo più appropriato- è in streaming qui.


Virtual Forest
Unconscious Cognition is the Processing of Perception
2015
Yeravan Tapes

Tracklist:
1. River to Back Side
2. Spiritual Communication



FBSoundcloud
BandcampBuy it!
♫ Potresti apprezzare anche: Donato Epiro

martedì 20 gennaio 2015

Lovespoon - Carious Soul - 2013 [Streaming]

Il nome e il sound leggero ricordano i Lovin' Spoonful di John Sebastian: i Lovespoon fanno venir voglia di spettinarsi i capelli come Doc di Ritorno al Futuro, mettersi nella DeLorean e vivere quelle atmosfere un po'(p) psichedeliche di cui abbiamo acusticamente nostalgia quasi tutti. Impossibile non sentirsi fichi con Anyway e Like an Eleonor, non vagabondare fra i pensieri con Butterfly, non ondeggiare su Sleeping on a bench, non innamorarsi di Bianca e non ricaricare la scorta di plutonio con Carious soul, che dà il nome all'album. Ma soprattutto è impossibile non andare ad uno dei live fluttuanti segnalati qui sotto, dato che il nuovo ep esce in primavera. "Grande Giove!"
24 Gennaio @ Magazzino Parallelo, Cesena
13 Marzo @ Covo Club, Bologna
8 Aprile @ Circolo Arci Bolognesi, Ferrara
18 Aprile @ Bahnhof , Montagnana (Pd)


Lovespoon
Carious Soul
2013
Hey Man Records

Tracklist:
1. Pale Moon
2. Mary Comes
3. Anyway
4. My Love
5. Maryonettes
6. Like an Eleonor
7. I can live anyhow
8. Butterfly
9. Sleeping on a bench
10. Bianca
11. Carious soul
12. Another pale moon



Sito ufficialeFBSoundcloud
BandcampYoutube
♫ Potresti apprezzare anche: Masons

lunedì 19 gennaio 2015

Kubark - Obedience - 2015 [Streaming]

Dopo l’introspettivo e alienante Ulysses, i Kubark ridanno anima alla loro vita di Musica con Obedience, album di sette brani custoditi in un muro di suoni lucenti e decisi che rilascia vibrazioni magnetiche, tangibili col cuore. L’essenza di questo disco risiede in un vortice di energia, potenza, tenacia, ritmo, maturità, precisione, prudenza di saper colpire nel posto giusto, al momento giusto, seguendo un’onda di melodie cangianti che impressionano per il loro essere impetuose e al contempo eleganti e delicate. La voce, ponte tra realtà e immaginazione, si plasma al canto degli strumenti, dando vita ad atmosfere graffianti, intime, imprevedibili, riempite sia da pause emozionali che da note capaci di trasmettere una miriade di sensazioni e pensieri secondo dopo secondo. Paesaggi mistici di fantasie e colori da sognare anche ad occhi aperti saranno lo scenario prediletto per l’ascolto di Obedience, colonna sonora invidiabile che vi attrarrà come il polo positivo di un magnete attrae il suo opposto.


Kubark
Obedience
2015

Tracklist:
1. Phantom
2. Bleach
3. Blind Games
4. Find The Cost Of Freedom
5. Song Of May
6. Obedience Class
7. Shut You Down


Sito ufficialeFB Bandcamp

sabato 17 gennaio 2015

Magdalene - S/t - 2008

Un'intero universo di lacrime e sangue in quattro brani, questo è. Dopo un primo demo del 2007, usciva nel 2008 il primo omonimo album dei toscani Magdalene, una meravigliosa mezzora di screamo-core disperato. Essendo Sons of Vesta e Tumorati di Dio praticamente defunte ho chiesto alla band, che dopo un successivo disco nel 2010, Sail With the Tide è confluita in parte nei Klam, di poter mettere a disposizione questa meraviglia perché pochi sono i dischi che mi hanno lasciato un segno marchiato a fuoco nelle ossa come questo "Ora che l'unica cosa / per la quale io morirei / non sono più i miei ideali / ma soltanto un tuo ultimo abbraccio...". Scaricate a manetta.


Magdalene
Magdalene
2008
Sons Of Vesta / Tumorati di Dio / Desertion Records
Blessed Hand Records / Citè de Chenilles Records

Tracklist:
1. Elegia
2. Twain
3. Coup de Foudre, Coup de Hache
4. Giochi Attimi Ricordi Macerie



FBSoundcloud  Download
♫ Potresti apprezzare anche: Klam

venerdì 16 gennaio 2015

Monsieur Malaussène - End Of Freedom - 2014 [Streaming]

I Monsieur Malaussène hanno una delicatezza e una malinconia da far invidia a Daniel Pennac, l'autore dei romanzi aventi come protagonista Benjamin Malaussène, dal quale prendono il nome e lo spirito. End Of Freedom, terzo lavoro del gruppo romano, è una nuvola di pensieri scanditi in acustico da strumentazioni non invadenti e una voce che sembra indovinare le paure e le insicurezze di chi ascolta, cullandolo dolcemente. Lo streaming è gratis, lo sapete già, ma se immaginate di offrire un caffè ai quattro musicisti e di lasciare la mancia allo scrittore francese avrete ben dieci preziose tracce da conservare per i momenti di riflessione.


Monsieur Malaussène
End Of Freedom
2014

Tracklist:
1. Coming back home
2. Among the stars
3. Daniel
4. One bright morning
5. The volume
6. Here comes the war
7. Far from spring
8. There is a man who...
9. It's not enough for two
10. Close to winter



FBSoundcloudBandcamp
♫ Potresti apprezzare anche: Takoma

giovedì 15 gennaio 2015

Hoff - The Believer - 2015

The Believer è la nuova release del romano Hoff, uscita pochi giorni fa per Handwriting Records. Lievi sono le differenze rispetto a Hibernate, l'esordio uscito nel 2012, qui il disco è forse più onirico, più cupo, come un sogno enigmatico sospeso nel momento rivelatore. Tutto comunque perfettamente in linea con il personale misticismo musicale dell'artista che ti guida in tetre selve ma che cammina troppo in fretta e presto sei perso. In particolare mi conturbano piacevolmente Hymn e Piano Dripping, due brani che assecondano la mia mentale narrativa dell'isolamento nel bosco. Foglie bagnate, il rumore di una cascata, una lacrima. E presto sei perso.


Hoff
The Believer
2015
Handwriting Records

Tracklist:
1. Black Days
2. Melter
3. Origin
4. Sudden Recall
5. Hymn
6. Impermanence
7. Piano Dripping
8. Frederike
9. Textural Air


BandcampDownload
♫ Potresti apprezzare anche: The Volume Setting Folder

mercoledì 14 gennaio 2015

Indian Wells - Alcantara


Abbandonarsi al fascino estatico di ritmi sincopati e di reiterazioni vocali, assemblati su una trama ambient/downtempo che avvolge e ipnotizza fino alla pace dei sensi. Questa la cifra stilistica di Alcantara, singolo anticipatore di Pause, nuovo lavoro di Indian Wells, in uscita il prossimo Marzo per Bad Panda Records. Atmosfere suggestive e stranianti, in un gioco di dilatazioni futuristiche e sample dilatati che entrano in circolo fluidamente senza alcun intoppo. Consigliato!



Tumblr FBTW
SoundcloudBandcamp
♫ Potresti apprezzare anche: Zäil

martedì 13 gennaio 2015

Minimal Whale - S/t - 2014 [Streaming]

La riviera ligure, l'orizzonte, le onde calme, il fuoco. Il fuoco? Sugli ombrelloni, già. I Minimal Whale, al secolo David Avanzini, Nicola Magri e Matteo Orlandi sono proprio questo: tre ombrelloni infuocati a pochi metri dal mare. L'ep omonimo è determinato e incasinato q.b., come i pinoli nelle trenette al pesto, da addiction al cubo.


Minimal Whale
Minimal Whale
2014
Marsiglia Records

Tracklist:
1. Five On Four
2. Cage
3. Lay Down
4. Virginia's Whale
5. Picture
6. 8 Blind Steps



FBSoundcloudBandcamp
♫ Potresti apprezzare anche: Trastere

lunedì 12 gennaio 2015

GBU - Alibi - 2014 [Streaming]

I GBU (The Good, The Bad and The Ugly) si presentano così: "Tre ragazzi che dopo aver scoperto che la marmellata e la Nutella non si fanno allo stesso modo hanno deciso di suonare degli strumenti". Alibi è il loro album d'esordio, composto da differenti anime musicali, e costruito con fondamenta ricche di scherzosità, immediatezza, capacità, varietà, voglia di mettersi alla prova e divertirsi. L'atmosfera si fa interessante già dall'inizio con la giocosa e fresca Problems, dove voce e corde di chitarra, veloci e sincopate di delicato Folk e Funk, sono le protagoniste. Se Charlie è aggressivamente Rock e svela una singolare potenza sonora, la blueseggiante Blue attira l'attenzione grazie alle sue armonie graffianti. Con End Of The Road l'ago della qualità sulla bilancia sale, perché questa canzone avvolge con le sue note misteriose e calde, così come Feeble Flame, affascinante melodia strumentale, sognante come una ninna nanna magica - per me indiscutibilmente il miglior pezzo dell'album per la sua delicatezza contornata da tanta eleganza, specialmente sul finale. Cigarettes è confusione trascinante, Circus nasce da una batteria dalle iniziali sfumature tribali e un vortice di chitarra che tiene prigioniero, Last Will è ondeggiante e si presenta come fosse la colonna sonora di un film poliziesco francese alternato a scene tratte da un cortometraggio americano scatenato sul rally. A concludere il lavoro c'è Sunflowers Field, leggera, acquatica, mossa da un mix di onde psichedeliche, Funky e Rock sul concludersi. Una discreta prova, questa dei GBU, che sicuramente attesta la buona volontà del gruppo di sperimentare diversi generi, e riuscire nell'impresa. Per un meltin-pot di suoni: clap clap e buona fortuna per un futuro dalle prospettive più che positive.


GBU
Alibi
2014

Tracklist:
1. Problems
2. Charlie
3. Blue
4. End Of The Road
5. Feeble Flame
6. Cigarettes
7. Circus
8. Last Will
9. Sunflowers Field



FB Soundcloud

sabato 10 gennaio 2015

Action Dead Mouse - ä - 2012

A cavallo del 2012 i bolognesi Action Dead Mouse pubblicavano due disconi in vinile a poche settimane di distanza l'uno dall'altro. Perché questa casa ci esplode negli occhi?, primo esperimento in italiano per la band, usciva a Gennaio 2013 per Triste e Flying Kids Records, un disco hard-cuore bello potente (di cui abbiamo scritto qui), mentre ä, cantato in inglese, usciva poche settimane prima per la francese Greed Records che però defunse (o quasi) subito lasciando l'album senza l'adeguata promozione. Ora, con troppe copie in mano del detto disco il trio di pazzi ubriachi ha deciso di regalarlo. No, non in free download, già lo era. Gli Action Dead Mouse vi regalano il loro vinile, voi pagate solo la spedizione. Quindi non so che altro dirvi, il disco merita ed è gratis, cazzo aspettate?


Action Dead Mouse
ä
2012
Green Records

Tracklist:
1. Eschaton in Kleistpark
2. Divided City Anthem
3. Goodbye, my Potsdamer
4. Smells like Lenny Chruščёv
5. Husband to be drummer
6. Cut off flowers leave dead flowers
7. Tonight, It's electric



FBBandcamp
DownloadBuy it! (0€) ◄
♫ Potresti apprezzare anche: My Speaking Shoes

venerdì 9 gennaio 2015

Grand River - Cellophane


Cellophane è l'apertura eterea di Wers, lp di Grand River uscito a novembre per MagmatiQ Records. Aimée Portioli, trasferitasi a Milano dalla terra dei mulini a vento, riuscirà a farvi immergere nel mare del Nord con tutti i vestiti addosso e a risollevarvi completamente asciutti.



Sito ufficialeFBTW
SoundcloudBandcamp
♫ Potresti apprezzare anche: K-Conjog

Takoma - Kerosene Belts - 2014 [Streaming]

Il progetto Takoma nasce ad Hackney (Borgo Nord-Est di Londra) nel 2009 dall'incrocio fra il sardo Stefano Podda e un texano e si ispira alla tradizione blues/vocale dell’antico folk americano. Tra il 2011 e 2013 registrano fra Londra e la Sardegna il primo album The Good Boy Sessions che li porta nuovamente a suonare in Inghilterra, Germania e nel Nord Italia. Il misterioso texano abbandona il gruppo e al suo posto subentra l’isolano Michele Sarti (già con Nick Rivera e Franklin Delano). Kerosene Belts è il loro secondo lavoro per la neonata Hopetone Records. Dal vivo (e ho avuto modo di ascoltarli questa estate, proprio nella loro terra natia) colpiscono per la loro potenza emotiva e quella malinconia di fondo che però non sfocia mai in tristezza. Hanno bisogno di ampi spazi per essere ascoltati, ma anche nel silenzio della vostra cameretta potranno trovare il loro domicilio emozionale.
Takoma
Kerosene Belts
2014
Hopetone Records

Tracklist:
1. I Don't Know I don't care
2. The Broken Drum
3. I Will Cope
4. Once Upon A Twice
5. Annie And The Dead Dandy
6. Denger
7. J† Luc Back
8. My Sweet Love Ain't Around
9. Wooden Clubs



Sito UfficialeFBTW
SoundcloudBandcamp
♫ Potresti apprezzare anche: Pocket Chestnut

mercoledì 7 gennaio 2015

Le Quattro Stagioni - 2014

Le Quattro Stagioni raccoglie i brani in free download che più ci sono piaciuti del 2014. (Eccezion fatta per i brani dei Supernovos e di Armaud che gli artisti ci hanno gentilmente donato e che saranno inclusi nei loro dischi di prossima uscita.) Se una o più tracce vi conturbano particolarmente vi consiglio di scaricarvi l'intero disco dell'artista in questione raggiungendo i nostri post dai rispettivi link posti nella tracklist. Inoltre, proprio perché questi artisti ed etichette vi donano i loro dischi supportateli! È tutta gente che si sbatte un casino, che fa un altro lavoro, che monta in macchina ogni weekend per suonare anche in posti beceri che poi non ti vogliono dare il pattuito perché il locale era vuoto. Non vi travi il download gratuito, la musica va pagata. Andate ai concerti, comprate magliette e dischi, limonate il cantante. Ecco... finito il pippotto, link in fondo.


Le Quattro Stagioni
Con il meglio del 2014

Tracklist:
1. Valerian Swing - In Vacuum
2. Ruggine - Babel
3. Die Abete - Per un Pugno di Pugni
4. Øjne - Sotto i Tigli
5. Lantern - Mucchio d'ossa Copperpot
6. Do Nascimiento - Chitarra
7. The Rambo - Cobra
8. Pueblo People - Phantom Ships
9. etti/etta - Seven Sisters
10. Solki - Cheese and Moon
11. Supernovos - Red !!!!
12. Aldrin - Il Mio Hair Stylist
13. Mattia Schroeder - Schizo Urchin
14. Uyuni - Ojos del salar
15. Armaud - How to Erase a Plot
16. Bzzzz_ - DreamingOfFly



 Download 

lunedì 5 gennaio 2015

Playlist per Alienarsi

Ecco finalmente l'ultima playlist con dieci brani per alienarsi a dovere. Ad accompagnare anche queste canzoni c'è un bellissimo acquarello di Ehsan Mehrbakhsh, le illustrazioni usate per questa e le altre playlist le trovate, assieme a tantissimi altri disegni, sul suo sito. I quattro riassuntoni e le altre tre playlist emotive li trovate invece tutti linkati in fondo, buon ascolto!


Bzzzz_ - DreamingOfFly
(da Oneiros)

Mattia Schroeder - Schizo Urchin
(da MatSch)

Elisa Luu - Shebeen
(da Enchanting Gaze)

Uyuni - Ojos del salar
(da Australe)

Mattia Coletti - Big Eye
(da Moon)

Heroin in Tahiti - Canicola
(da Granaglia)

Gianni Giublena Rosacroce - Rame Triangolo Rosso
(dallo Spilt con Maria Violenza)

Matteo Uggeri - We are the fog
(da Untitled Winter)

Donato Epiro - Naja Nigrocollis
(da Fiume Nero)

Franz Rosati - 02
(da Ruins)



Le altre tre playlist emotive su Soundcloud:

E i quattro riassuntoni per tutti quei bellissimi
brani che invece trovate solo su Bandcamp:

domenica 4 gennaio 2015

Playlist per Gridare

Nella terza playlist per inziare l'anno nuovo ci sono dieci brani che partono in quarta e vi trascinano nel loro meraviglioso delirio. Dal new wave all'emo-core eccovi la playlist per sfogarvi. Ad adornare questa e le altre playlist del 2015 ci sono le bellissime illustrazioni di Ehsan Mehrbakhsh.


etti/etta - Seven Sisters
(da No? Yes.)

Schonwald - Sacred Hearts
(da Dream For The Fall)

Maybe I'm - Damballah Wedo
(da Bwa Kayiman)

Quasiviri - The Perennial Pose
(da Super Humans)

Ruggine - Babel
(da Iceberg)

Low Standards, high Fives - Where We Are
(da Revolushhhh)

Do Nascimiento - Fiato
(da Giorgio)

delay_house - Se mi dai i sold
(da delay_house 4)

Supernovos - Red !!!!

Aldrin - Il mio hair stylist
(da Edvcorvm)



Le altre tre playlist emotive su Soundcloud:

E i quattro riassuntoni per tutti quei bellissimi
brani che invece trovate solo su Bandcamp:

sabato 3 gennaio 2015

Playlist per Avvinghiarsi

La seconda playlist per cominciare l'anno è un po' più coccolosa, va spalmata su fronte e gola tipo Vicks VapoRub ed è composta di dieci ottimi brani (di altrettanti ottimi artisti). Il risultato è un composto (abbastanza) rilassante propedeutico anche all'avvinghiarsi sotto le coperte e a limonare qualcuno. E come per la precedente playlist (per Ripartire) anche questa seconda playlist è corredata di una bellissima acquarellosa illustrazione di Ehsan Mehrbakhsh.


Verily So - Islands
(da Islands)

Horrible Present - Rare & Nocturnal
(da Intuition)


Sparkle in Grey - Aprilis
(da Calendar)

K-Conjog - Something To Know,
Something To Say, Something To Do
(da Dasein)

Niagara - FatKaoss

Nowhere Fast - Louder
(da Louder)

Kavemura - See the Dawn

Lilia - In My Silence
(da 44)

Novanta - Light Changes
(da Best Selling Dreams)



Le altre tre playlist emotive su Soundcloud:

E i quattro riassuntoni per tutti quei bellissimi
brani che invece trovate solo su Bandcamp:

venerdì 2 gennaio 2015

Playlist per Ripartire

Come anticipato ecco qui la prima delle quattro playlist per cominciare l'anno nuovo, per partire e ri-partire con dodici dei brani che più ci sono piaciuti del 2014. Dodici canzoni da dodici meravigliosi album che potete ascoltare pigiando i rispettivi link che trovate qui sotto. Ad adornare le playlist di quest'anno ci sono le bellissime acquarellose illustrazioni di Ehsan Mehrbakhsh.


Shiva Bakta - Dog
(da Third)

Nicolas J. Roncea - Find Me

Bad Apple Sons - Tempest Party

Johnny Mox - Oh Reverend
(dallo split Santa Massenza con i Gazebo Penguins)

Girless & the Orphan - A Nice Guy

Moro & the Silent Revolution - Wooden Soul

The Emerald Leaves - Lonestar

The Vickers - She's Lost
(da Ghosts)

C+C Maxigross - The Woods
(da An Instantaneous Journey con Martin Hagfors)

Guy Littell - Need You, Have You

Abiku - Canzone Nichilista

Delawater - Far From Cartoons



Le altre tre playlist emotive su Soundcloud:

E i quattro riassuntoni per tutti quei bellissimi
brani che invece trovate solo su Bandcamp: